Finalmente, dopo tante discussioni (e richiodature inutili con acciaio 316L) il Titanio è arrivato sulle falesie di Cala Gonone  laughing

In questo caso il termine falesia è azzeccato, trattandosi di pareti verticali sul mare. Sapevamo da anni delle pericolose condizioni dei fixe e fittoni della falesia di Biddiriscottai, rese note più volte sia da noi (vedi articolo) che da Claude Remy e Maurizio Oviglia già nel 2012 (vedi articolo). Il problema è noto e si chiama pitting. Si tratta di un processo di ossidazione dell’acciaio innescato e accelerato dalla salsedine e dal calore del sole, al quale queste falesie sono costantemente esposte. 

Per questo sia l’associazione Climbing Sardinia che altri privati si sono mossi per iniziare la ri-chiodatura di tutte le vie d’arrampicata su questa bellissima falesia. Sarà ovviamente un processo lungo, visti i proibitivi prezzi di fittoni e soste in Titanio. Attualmente infatti ogni fittone costa più di €10, mentre una sosta viene a costare oltre €65  …per non parlare della resina (epossidica pura) utilizzata per i fissare soste e fittoni. 

Unendo i fondi raccolti con gli ultimi corsi di arrampicata e le donazioni dei soci e di alcuni privati, Climbing Sardinia ha acquistato una grossa partita di fittoni dal produttore inglese Titan Climbing e ricevuto una generosissima sponsorizzazione di resina epossidica da parte del G&B Group

Questa è una lista iniziale delle vie ri-chiodate in titanio. Tutti gli aggiornamenti sono sempre consultabili sulla guida TOPOS al settore Biddiriscottai e al settore Grotta dei Colombi

  • L’alchimista (8 tiri, 210 m, 6c)
  • Zanahoria (solo soste, 4 tiri, 110 m, 6a+)
  • La Vita Nuova (4 tiri, 100 m, 6a)
  • The hark (6a+, 30m)
  • La polvere del Messico (6c+, 30 m)
error: