S'Istrada Longa

PRENOTA ORA

S’Istrada Longa

Profondi canyon, picchi rocciosi, impervie vie d’accesso sul mare: questo è Supramonte

Visitare il territorio di Baunei e non percorrere S’istrada longa è quasi un sacrilegio. Questo itinerario racconta la vita dei luoghi e delle genti che li frequentavano. Qui si percepiscono i silenzi, le voci, le forme e i profumi della natura sarda in un distillato senza eguali. Terra antica e selvaggia, quasi continente a parte, con i suoi monumenti naturali, con la sua storia e le sue leggende. Da millenni le montagne del Supramonte hanno ospitato pastori che si sono adattati alle condizioni estreme di questo territorio. Hanno imparato ad arrampicare dove prima solo le capre osavano, hanno costruito passaggi e ponti per superare i tratti di arrampicata più complessi. Queste abilità gli hanno permesso di abitare queste montagne, sfruttando le pochissime risorse disponibili.

Alla costante ricerca di pascoli verdi e acqua potabile i pastori del Supramonte spostavano il proprio bestiame ogni anno, risalendo S'Istrada Longa per accedere all'altopiano di Margine. Sull'altopiano l'acqua era presente anche d'estate e le temperature erano più miti delle montagne a ridosso del mare. Il percorso era un tempo gestito dai pastori stessi, che aggiustavano i passaggi e controllavano l'accesso all'altopiano. S'Istrada Longa era anche un passaggio obbligato dal quale controllare e limitare i furti di bestiame.

Tra lecci e tassi secolari, magnifiche fioriture di peonia, digitale ed elicriso costellano di colori i canyon sopra i quali volano indisturbate aquile reali, astori e gheppi.
Dopo un’impervia discesa lungo un antico torrente il sentiero, segnato da ardimentosi pastori e pazienti carbonai, risale la parete rocciosa fino ad incontrare una stretta cengia contornata da ginepri contorti ed esposta su un vertiginoso dirupo. Sembra di attraversare un ponte sospeso nel vuoto. Esposto in alcuni punti, regala allo spettatore momenti di grande emozione e incomparabile bellezza.


Nota Importante su questo percorso

S’Istrada Longa è famosa per un lungo passaggio su una cengia incredibilmente esposta, a più di 50m di altezza su una parete verticale. La cengia in alcuni punti non è più larga di 40cm. È quindi indispensabile non soffrire di ansia, vertigini o forme gravi di acrofobia o agorafobia.

  • Febbraio 2023
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28

Si prega di scegliere una data

S’Istrada Longa

 69

Punto d’incontroPiazza Indipendenza a Baunei Punto di partenza: Genna Arrivai (15km su asfalto e 7,5km su sterrata). Difficoltà: Escursionisti esperti dal passo sicuro, è indispensabile assoluta assenza di acrofobia/vertigini
Lunghezza percorso: 8.6 km Tempo di percorrenza: 6h Durata totale: 8h Dislivello +: 700m
hide
Quanto è pericolosa l'escursione a S'Istrada Longa?

I passaggi più stretti della cengia di s’Istrada Longa non sono più larghi di 50 centimetri. Una caduta accidentale dalla cengia verso il fondo del canyon potrebbe essere letale. 

Detto ciò, cerchiamo di ridurre il rischio camminando piano, concentrandoci sui passi e senza temere eccessivamente possibili incidenti. 

Il resto del percorso è molto accidentato, alla pari di qualsiasi altri sentiero del Supramonte. Il pericolo maggiore è quello di prendere una storta alla caviglia. 

Quanto è difficile l'escursione a S'Istrada Longa?

Il trekking per scendere a Bacu Orruargiu e percorrere la cengia Istrada longa è abbastanza faticoso ma adatto a chiunque sia in buona forma fisica.

Sicuramente è necessario non soffrire di vertigini ed essere preparati a sopportare un po’ di fatica.

Di cosa ho bisogno?

Vi preghiamo di indossare scarpe da montagna e vestiti consoni ad un’escursione di 6 ore.  

Portate assolutamente uno zaino con almeno 2 litri di acqua, qualche snack da mangiare durante l’escursione, crema solare e un cappellino

Consigliamo anche di portare una giacca leggera in caso di vento di maestrale.

Escursione guidata s'istrada longa